I repubblicani al Senato hanno fermato come previsto l’impeachment contro l’ex presidente Donald Trump, ma fuori dal Congresso continua la collisione tra i suoi sostenitori irriducibili e la realtà. Il Commercial Appeal, un quotidiano di Memphis, racconta il processo del tribunale federale di Washington contro un uomo di 36 anni, Matthew Bledsoe, seguace del culto di QAnon e accusato di avere dato l’assalto al Congresso il 6 gennaio. L’Fbi ha arrestato Bledsoe il 15 gennaio dopo avere ricevuto una denuncia che riguardava le stories pubblicate dall’uomo su Instagram, filmate da lui stesso durante l’assalto con abbondanza di primi piani che provano senza ombra di dubbio la sua partecipazione. Bledsoe si dichiara non colpevole e al momento è in libertà su cauzione.

La giudice chiamata a decidere se Bledsoe deve continuare a indossare una cavigliera elettronica che ne segnala la posizione (una misura di sicurezza per prevenire la fuga) è preoccupata, più che dalle stories, da alcuni messaggi scambiati dall’uomo con la moglie nei giorni seguenti all’irruzione. In uno scrive: “Tutti questi politici saranno giustiziati”. Quando la moglie lo avverte che “c’è un allarme bomba al Campidoglio”, lui risponde “bene”. Il suo avvocato ha provato a minimizzare e a contestualizzare la cosa. “Avrà presente in cosa credono quelli di QAnon”, ha chiesto alla giudice. “No – ha risposto lei – mi occupo dei fatti. Non di fantasie”. L’avvocato ha provato a spiegare che uno dei pilastri della setta di QAnon è la convinzione infondata che i politici democratici saranno un giorno catturati e giustiziati perché coinvolti in un immaginario traffico di minori. “E il signor Bledsoe ci crede? E questo dovrebbe in qualche modo rassicurarmi?”, ha chiesto la giudice. Poi ha rifiutato di liberare l’imputato dalla cavigliera elettronica, anche se l’avvocato sostiene che danneggerà il lavoro del suo cliente, che nella vita è il capo di una ditta di autotrasporti e potrebbe non sembrare più affidabile.

Milioni di americani seguono una setta che predica la necessità di arresti di massa contro i nemici di Trump e di esecuzioni rapide…

Continua a leggere qui. Pubblicato su Il Foglio

Vai al post di Facebook

PHOTO: CBC