Molte  agenzie, siti e  giornali, italiani ed esteri, hanno annunciato nelle scorse ore la cattura del leader dello Stato Islamico. L’attuale leader del califfato è Amir Mohammed Abdul Rahman al-Mawla al-Salbi, califfo con il nome di Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi.

Ad essere arrestato, consegnato dai curdi  siriani alle autorità irachene, è stato invece Hajji Abdul al-Nasir al-Qardash o Abdul Nasser al Qardash, veterano dell’organizzazione ed importante membro dello Stato Islamico, tra quelli di rango più elevato. Molti media hanno descritto Abdul Nasser al Qardash come “il successore di successore di Abu Bakr al Baghdadi”.

È importante sottolineare che Abd al-Nasir Qardash non va confuso con Abdallah Qardash, il leader dell’IS Mohammed Abdul Rahman al-Mawla al-Salbi, califfo con il nome di Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi.

Le autorità irachene non hanno arrestato il califfo, il suo arresto è avvenuto oltre un anno fa per mano delle YPG nella battaglia di Baghuz Fawqani in Siria. Quello che è avvenuto nelle scorse ore  è stato un passaggio di consegne da SDF alle autorità irachene. Il suo trasferimento in Iraq è stato coordinato con la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.


Il nome di Abdul Nasser al Qardash è Taha Abdulraheem Abdullah Bakr Al-Ghasani, nato nel 1967 a Tal ‘Afar, in Iraq. Si è unito ad al-Qa’ida in Iraq probabilmente nel 2005 quando divenne responsabile di Mosul sotto la guida di al-Zarqawi dopo l’arresto di Mohammed Khalaf Shekara, alias Abu Talha al-Ansari nel 2005. È stato per ISI il Wali (governatore) di Jazirah, la regione desertica del nord-ovest dell’Iraq . Nel 2010, è diventato Wali degli Stati del Nord ( aree di Ninawa meridionale, Mosul, Jazirah, Kirkuk).  Nel 2011, Al-Baghdadi lo ha reso emiro dell’industrializzazione, produzione e sviluppo dell’organizzazione. È stato poi inviato a in Siria alla fine del 2011 per sovrintendere la produzione di armi, esplosivi e attrezzature (ha anche supervisionato la creazione di gas mostarda da utilizzare in Iraq). Nel 2014, dopo la scissione di Daesh e Jabhat Al-Nusra, è stato nominato Wali di Al-Sharqiyah (aree di Hasakah, Deir Ezzour, Raqqa). Condusse, in particolare, la lotta contro al-Nusra guidata all’epoca da Abu Mariyya al-Qahtani nella Siria orientale. Gli  fu assegnato, inoltre, l’incarico di dirigere i principali comitati amministrativi di Daesh dopo la dichiarazione della nascita ufficiale del califfato. Ha supervisionato gli attacchi di IS a Kobani, Palmyra, Aleppo, Damasco e Al-Bab. Era in strettissimo rapporti con Abu Bakr al-Baghdadi e figura di spicco del famigerato Comitato delegato dell’IS che esercita un potere significativo all’interno del gruppo.

Gli stessi sostenitori dell’IS online hanno minimizzato la notizia, dicendo che Abd al-Nasir Qardash è stato arrestato dalle forze a guida curda intorno a marzo 2019, a seguito della battaglia di Baghouz. Dopo la sua cattura, al-Nasir Qardash ha lui stesso confermato in un’intervista per la televisione Al-Arabiya di non essere il leader del califfato, ha inoltre affermato che dopo la morte di Al-Baghdadi, è emerso come leader dell’IS Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi. Al-Nasir Qardas ha aggiunto che nell’organizzazione ha preso il sopravvento l’ala più fanatica e che il nuovo califfo non è risoluto quanto Al-Baghdadi.