Al-Shabaab attacca italiani a Mogadiscio e base Usa

Al-Shabaab attacca italiani a Mogadiscio e base Usa

Il gruppo jihadista somalo Al-Shabaab ha rivendicato la responsabilità di un attacco contro un convoglio su cui erano presenti uomini italiani impegnati nella missione di peacekeeping coordinata dall’Unione Europea a Mogadiscio. Un’autobomba ha colpito i mezzi italiani lungo una strada situata in una zona industriale. «Un veicolo carico di esplosivo è stato lanciato verso il convoglio e ci sarebbero stati dei feriti», ha detto il funzionario somalo alla sicurezza Omar Abikar. Secondo il Ministero della Difesa italiano, nessuno sarebbe rimasto ferito, Roma sta indagando sulla causa dell’esplosione. L’attacco al personale italiano era parte di un’operazione più vasta di Al-Shabaab contro una base americana usata per il lanco di droni e per addestare le forze somale. Il primo attacco si è infatti verificato all’ingresso della pista di atteraggio americana a Belidogle, città a circa 100 km ad ovest della capitale Mogadiscio, poi ci sarebbe stato uno scontro a fuoco tra jihadsti e militari. La base Usa, nella regione di Shabelle, è importante per le operazioni contro Al-Shabaab, legato ad Al Qaeda, e contro lo Stato Islamico. Site Intelligence, che si occupa del monitoraggio della minaccia jihadsta nel mondo, ha confermato che il gruppo somalo ha rivendicato i due attacchi.

 


 

Italian and Somali security forces guarding the scene of the attack on an Italian military convoy in Mogadishu. Photograph: Feisal Omar/Reuters